Incontriamo Luca Cecconi nel suo ufficio di Responsabile del Settore Giovanile Azzurro nel pomeriggio del martedì che precede la 70ª VIAREGGIO CUP: come sempre disponibile, lui che il “Torno di Viareggio” l’ha vinto prima come calciatore della Fiorentina (1982) e poi, sopratutto, proprio cpontro i viola come allenatore dell’Empoli all’alba del nuovo millennio, il 2000. Unico degli allenatori azzurri a riuscire nell’impresa, prima che altri suoi colleghi perdessero ben 4 finali nel 2004, 2008, 2010 e 2017.

Che ricordi hai Luca di quella vittoria?

Mi ricordo tutto, fu una soffisfazione immensa anche perché quell’anno la prima squadra era retroceessa dalla A alla B e il colpo si fece sentire in Società. L’annata cominciò senza gandi ambizioni, ci fu un grande ridimensionamento, anche sulle spese. Però la squadra in Campionato mano mano che si andava avanti faceva bene. Per quanto riguarda il Torneo lo iniziammo senza obiettivi particolari, in ogni caso la filosofia era quella di andara di partita in partita. Cominciammo con una vittoria, poi perdemmo col Bari e dopo le vincemmo tutte, senza mai andare ai rigori, tanrto che alla fine avemmo il miglior attacco del Torneo. Fu tutto molto bello, festeggiammo anche di fronte ai tanti nostri tifosi venuti a Viareggio per la Finale, era la prima volta che l’Empoli vinceva il Torneo e la prima volta che io allenavo. Fu tutto molto bello.

 

Tra l’altro io c’ero a quella Finale e mi ricordo uno “Stadio dei Pini” pieno di gente, esaurito. Da qui una domanda: quanto il Torneo di Viareggio è cambiato negli anni? Ha ancora un senso farlo, parteciparvi?

L’ho vissuto in tutte le fasi perché da ragazzo giocavo nella Fiorentina e feci parte della squadra che lo vince nel 1982, segnando tra l’altro il gol della vittoria in Finale. Chiaramente un pochino negli anni si è perso: in quegli anni partecipare al “Viareggio” era una cosa prestigiosissima e tale è rimasto per molti anni, anche quando lo vincemmo con l’Empoli: c’erano le migliori squadre italiane e molte importanti squadre straniere. Poi piano piano, negli ultimi anni, c’è stata la defezione importante di qualche squadra, perà ritengo che sia sempre una manifestazione  di livello molto alto dove si vedono i migliori giovani di questa Categoria. Secondo me rimane un Torneo con il suo fascino e con la sua valenza

Dopo la vittoria del 2000 purtroppo l’Empoli registra 4 Finali, dusputaee e perse. Quest’anno abbiamo una squadra che partecipa al Campionati di Primavera 2 e quindi sulla carta non siamo nel novero dei favoriti. Ti chiedo perciò come arriviamo al Torneo e con quali obiettivi?

C’è questo handicap di fare il Campionato di Primavera 2 e perciò ci manca il confronto con le squadre del Campionato di Primavera 1 dove ci sono anche le migliori d’Italia, anche se ci sono pure squadre del nostro livello e quindi c’è un pizzico di incognita. E’ chiaro che buona parte delle squadre di Serie A hanno budget superiori al nostro ed è per questo che il calcio giovanile negli ultimi anni è stato un po’ una corsa a cercare i giocatori migliori, anche all’estero. Logico quindi che chi ha maggiori capacità di spesa propbabilmente può avere qualcosa in più, però la nostra squadra ritengo che sia cresciuta tanto dal’inizio del Campionato. C’è stata una progressione e non è un caso che al momento, pur con due partite in più rispetto alla capolista Novara, siamo al secondo posto in classifica. Siamo in salute, la squadra è cresciuta. L’obittivo è far bene e vedere poi, partita per partita, gli avversari che troviamo. Cercheremo di fare il massimo

Veniamo agli evversari del nostro girone: dei Paraguaiani non so niente (n.d.r. è notizia dell’ 8 marzo che si sono ritirati ed al loro posto c’è la Virtus Entella), poi abbiamo il Livorno, che sta facendo benissimo nel suo girone del Campionato “Berretti” ed infine la Rappresentativa di Serie D, squadra tradizionalmente ostica per tutti anche perché è quasi una vere e propria Nazionale Under 19 della Serie D. Un girone per niente facile direi

Vero, per niente. Non potevamo pretendere certo di trovarci di fronte ad avversari troppo deboli ma se una delle tre fosse stata una squadra meno forte forse era meglio.  Comunque, se vogliamo andare avanti, gli avversari li dobbiamo incontarre tutti. E’ vero, come dicevi te, che la Rappresentativa di Serie D, specie negli ultimi anni, è sempre stata un avversario forte e in qualche annata è andata anche molto avanti nel Torneo. Sono ragazzi nella cui generalità hanno forse meno possibilità di carriera, anche se ci possono essere significative eccezioni, ma sono ragazzi più pronti dei nostri all’agonismo perché molti di loro giocano nelle prime squadre di Serie D il che dà loro qualcosa di più sul piano della combattività e  del carattere. Fanno un calcio meno tecnico ma certo più grintoso e concreto. Omettiamo il commento sui paraguiani che non  parteciperanno al Torneo). Il Livorno è prima nel suo girone del Campionato Berretti e tra l’altro l’abbiamo incontrata in una gara amichevole lo scorso gennaio (n.d.r. risultato finale 4-1 per l’Empoli).  Riteniamo di essere più bravi…. sarebbe strano che non lo fosse…però in una partita unica tutto è possibile e non sarà facile. Poi squadre come il Livorno sono ostiche e hanno motivazioni importanti anche se non dovranno mancare a noi. Comunque, sicuramente avversari non facili

Ultima domanda. Andiamo con qualche novità rispetto alla rosa del Campionato? Ci sono prestiti al di fuori della Società o andiamo con giocatori tutti tesserati nell’Empoli?

Nessun prestito esterno, tutti tesserati nell’Empoli. Un prestito esterno per rinforzare la squadra a me non piace a meno che ci siano esigenze particolari delle Società, magari in proiezioni future. Non è questo adesso il caso dell’Empoli. Trovo giusto provilegiare i nostri ragazzi perché riteniamo che siano tutti validi e meritano di avere questa opportunità. La rosa è quella della Primavera, in questa inseriremo Traore e Imperiale, poi vedremo se a seconda delle esigenze della prima squadra sarà possibile in qualche partita averli. Oltre a questi inseriremo nella lista dei 28 per il Torneo alcuni ragazzi dell’Under 17

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here