Il tanto atteso posticipo tra Milan e Napoli finisce con una netta vittoria per 3-0. La prima frazione, poco spettacolare e molto equilibrata, si chiude sullo 0-0. Nella ripresa i rossoneri spezzano l’equilibrio con un calcio di rigore di Ibrahimovic concesso dal direttore di gara, Rocchi di Firenze, per un dubbio fallo di mani di Aronica. I partenopei hanno protestato moltissimo con il direttore di gara per la decisione di assegnare il penalty.

 

Senza dubbio il rigore ha indirizzato il match a favore dei rossoneri che poi però sono stati bravi a sfruttare a pieno le occasioni capitate nell’ultimo quarto di gara quando è salito in cattedra il brasiliano Pato.

 

Il “papero”, come viene sopprannominato dai tifosi del diavolo, prima si veste da assist-man e serve su un piatto d’argento il 2-0 a Boateng, da poco entrato in campo al posto di Robinho, poi cala il tris con un gol fantastico. Si impossessa del pallone sulla propria trequarti, dopo un calcio d’angolo mal sfruttato dal Napoli, e si invola per una sessantina di metri; quindi ai 18 metri, finta il passaggio ad un compagno, e improvvisamente calcia in porta, facendo passare il pallone tra due giocatori del Napoli e infilando il portiere azzurro con un dolce pallone che si infila quasi al sette alla sinistra dell’estremo difensore De Santis, incolpevole.

 

Con questa vittoria il Milan allunga seriamente nella corsa-scudetto, vola a 58 punti, spedisce il Napoli a -6 e rimanda l’Inter, ora secondo, a -5. Sembrerebbe tutto in discesa per i rossoneri, ma ora la Juventus ha la grande occasione per riscattare un campionato mai così brutto da 11 anni e riaprire il torneo: il prossimo fine settimana infatti c’è Juventus-Milan, in programma all’Olimpico di Torino.

 

Gabriele Guastella

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here