Azzurri in campo questa mattina per una nuova seduta in vista della sfida di domenica contro la Samp. La sfida contro i blucerchiati servirà per capire meglio il reale stato della squadra dopo due gare davvero particolari per motivi diversi. Avversario difficile, la squadra di D’Aversa arriva da una buona prestazione con l’Inter e sembra in crescita a livello di condizione, e la condizione fisica sarà un altro degli aspetti sotto osservazione dei nostri.

Seduta, quella odierna, che ha miscelato esercitazioni specifiche a partitelle a campo ridotto. mister Andreazzoli mischia le carte e per adesso – come detto già ieri – è davvero difficile ipotizzare l’undici iniziale. Sembra però essere in rampo di lancio l’ex Tonelli, la sensazione è che possa andare lui dall’inizio al fianco di Luperto. In avanti si girano le coppie ma sono diverse le indicazioni e le raccomandazione verso Pinamonti che va considerato in pieno ballottaggio con Cutrone. Più difficile al momento pensare a cambi in mezzo. L’unico indisponibile resta Fiamozzi.

La squadra tornerà in campo domani mattina nell’ultima seduta a porte aperte della settimana.

Articolo precedenteTV | L’ultimo Empoli-Sampdoria
Articolo successivoUna targa cittadina per Fabrizio Corsi
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

24 Commenti

  1. Si Pinamonti lo proverei dall’inizio a fianco di Mancuso, mentre a centrocampo proporrei Stulac e in difesa Tonelli Luperto.

    Poi a Cagliari dentro di nuovo Cutrone, Ricci al posto di Stulac, Di Francesco dall’inizio al posto di Bajrami, almeno un cambio sulle mezzali, dentro Parisi e di nuovo Ismaili

  2. Considerare che la Samp fa gioco importante ed è pericola sulle palle inattive di testa, quindi dei centrali 1 brevilineo e 1 veloce ad anticipare Caputo…. Quagliarella ha 40 anni.
    Il centrocampo ci vuole forte fisicamente, mentre in attacco ci vuole gente veloce, anche da contropiede rapido ….. coperti, non troppo bassi e pronti a ripartire veloci….. ecco come la vedo io.

  3. Riccardo, coperti non troppo bassi non esiste, se giochi chiuso e contropiede devi giocare basso. In più centrocampo fisico non ce l abbiamo. Ricci, Bandinelli, Bajrami son tutti giocatori poco fisici.

  4. 3 punti, in questo momento servono 3 punti, anche perché la salvezza spesso si ottiene con le prestazioni casalinghe e con i punti conquistati sul campo amico e una nuova sconfitta vorrebbe dire che il Castellani diventerebbe terra di conquista anche per le squadre di media classica. 3 punti senza se e senza ma!!! E giochi chi giochi a questo giro ci vuole la giusta determinazione e voglia di vincere sin dal primo minuto.

  5. Non so come stanno, ma prenderei in considerazione Bajrami seconda punta con Henderson o Zurko o Stulac in più a centrocampo ed eventualmente cambiare in corsa. Provando poi a gestire le energie soprattutto per le fasi finali dei due tempi.

  6. Klein sono d accordo con te, in alcune gare si potrebbe provare una punta sola, una sorta di 4321. Il problema è che quando decidi di comprare Cutrone e Pinamonti è dura giocare con una punta sola. Come ai tempi di Martusciello, Maccarone e Gilardino, una gara per uno ( e già era dura lasciarne uno fuori), poi a novembre dentro Levan ed escono entrambi, da lì casino.

  7. Articolo che non dice assolutamente niente, senza alcuna serietà giornalistica, e non si basa su alcuna spiegazione tecnica, ma solo sulle opinioni e voci dei tifosi.

  8. Siamo leggerini in ogni reparto, eppure sono arrivati molti giocatori rispetto a metà maggio. Secondo me con la Samp é dura ma dobbiamo provare a fare punti anche con squadre di metà classifica altrimenti se aspettiamo gli scontri diretti si finisce con 20 punti. Non so chi metterei davanti ma mancuso deve essere più concreto. A centrocampo siamo troppo tecnici (per voi che amate il Calcio champagne può andare) con poca fisicità e ripartenza. Quando si gioca con il Venezia o la Salernitana va bene ma quando arrivano squadre con qualcosa in più di noi si rischia di non segnare neanche se ci raddoppiano la porta e di prendere 2/3 gol vista la difesa e il centrocampo che non fa filtro.

  9. È bastato sbagliare una partita pur avendo fatto benissimo nella precedente che già leggo cose assurde via 4, 5 giocatori per stravolgere tutto. Così non avremo mai una identità. Quello che dobbiamo cambiare è l’atteggiamento della squadra la sua postura in campo. Essere corti intensi a partire dalle punte e il tre quarti che devono essere i primi difensori. Questa è la strada per la salvezza. Ben vengano anche qualche turnover ma non troppi.

  10. Da tutti bravi (perche s’e vinto una partita) a tutti brodi e polli(perche’ se’ perso quella dopo).. Fate ridere. Un vi farei allenare nemmeno una squadra di bocce

  11. Secondo me, quello che deve assolutamente cambiare rispetto alla gara contro il Venezia, è l’atteggiamento della squadra che deve giocare con la “bava alla bocca” e non con sufficienza.
    il 70% della colpa della sconfitta di sabato è dipesa dal nostro approccio e probabilmente dalla condizione fisica non ottimale di alcuni giocatori. Voglio vedere la grinta che abbiamo messo in campo a Torino!

  12. Ricci se a posto fisicamente non lo toglierei… ha dato fisicità e idee, più di Stulac. La sconfitta col Venezia fa doppiamente male perché in casa e contro una diretta concorrente ma non facciamo drammi. Ho visto un Bajrami stanco, una fase di non possesso dei tre di attacco insufficiente ed un Ricci appannato! Ismajli messo 1 vs 1 con un attaccante veloce in palese difficoltà. Il mister ha detto che è più difficile gestire le sconfitte perché più formative; giusta considerazione… forse la vittoria di Torino ci ha fatto sentire troppo belli, squadra e tifosi! Il campionato è tosto ma non c’è niente di scritto… importante è giocarsela sempre al massimo perché la squadra c’è. Se ripenso all’ultima stagione con il nonno vedo una difesa ed un attacco nettamente più completi…

  13. Mettere in discussione gli attaccanti e cominciare a dire ” dentro questo fuori l’altro” è la cosa migliore per destabilizzarli psicologicamente e non costruire mai un gioco d’attacco. A questo punto ritengo sua stato un errore gravissimo prendere Pinamonti dopo Cutrone se i due vengono considerati l’uno in alternativa all’altro. Comincio a pensare che se davvero il Monza ha contattato Cutrone , il ragazzo avrebbe fatto meglio ad andare lì.

  14. pochi cambi:
    Parisi per Marchiza
    Tonelli per Luperto
    Romagnoli per Ismaily

    Staffetta Haas con Henderson, che devono andare a 1000 per ogni spezzone di partita

  15. Qui qualcuno fa fantacalcio e boccia già i giocatori a settembre, per quanto mi riguarda era una semplice idea di alternanza di uomini tra le due partite ravvicinate Samp-Cagliari a distanza di 3 giorni e in considerazione degli avversari, ex, motivazioni ecc.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here