E’ ripresa ieri, lunedi 15 febbraio, la preparazione degli azzurri in vista del prossimo match. Archiviata la beffarda gara di Ferrara, all’orizzone il non semplice derby di Pisa, una gara contro una squadra che pare star bene ma che per gli azzurri dovrà essere il positivo sfogo rabbioso verso gli ultimi torti arbitrali.

Arrivano buone notizie alla ripresa dei lavori. C’era apprensione per le condizioni di Nedim Bajrami, uscito per un problema fisico durante la gara con la Spal. Per fortuna lo svizzero non ha riportato lesioni e quindi il suo periodo di stop sarà davvero breve con Pisa ad essere l’unica gara in cui potrebbe non esserci. Sarà ovviamente Moreo a prendere il suo posto con la speranza che l’ex Venezia ci rifaccia vedere quanto di buono fatto ad inizio stagione. Prosegue il lavoro di Sabelli che si allena a parte, anche per lui la prossima potrebbe essere l’ultima da indisponibile. A livello formazione, con lo scontato 4-3-1-2 potrebbero non esserci grandi variazioni rispetto all’ultima uscita, attenzione però a Crociata che potrebbe fare l’interno sinistro di centrocampo.

Gli azzurri torneranno oggi, martedi, ad allenarsi con una doppia seduta.

30 Commenti

    • Sarebbe la cosa più ovvia, non me ne voglia Moreo, ma in questo momento non è proprio il caso di schierarlo trequartista fin dal primo minuto; più volentieri in corso di partita al posto di un attaccante, a secondo dell’andamento della partita. Però sarà come ovvio il mister a decidere.

      • Anche per me…e lo dico da tempo che Crociata trequartista è meglio di Moreo in questo momento…per quello visto a Ferrara e contro il Pescara…magari ha un periodo di appannamento..Crociata non ha gli spunti di bajrami sucuramente…ma si inserisce bene e da palle giuste…un po’ come Ramsey dove lo metti gioca…quello che mi piace è che in confronto a Moreo ha più tiro da fuori e questa potrebbe essere un arma in piu’….per il resto per me formazione come ha Ferrara con Nikolau al posto di Casale e il centrocampo confermato….almeno che non voglia far rifiatare Haas ma con 5 cambi ripeto io partirei sempre con i meglio… al limite Haas lo cambio al 70 esimo….non rinuncio alla sua qualità (VEDI IL LANCIO DI MONZA) per farlo rifiatare

  1. Certo che a volte alcuni titoli lasciano interdetti. “Sospiro di sollievo per Bajrami” mi ha fatto pensare che di problemi non ce ne erano e quindi abile e arruolato per Pisa. Invece leggendo l’articolo vien detto che POTREBBE risultare solo Pisa la partita in cui mancherà. Piuttosto, riguardo agli infortuni, siamo già a metà febbraio, ci sono notizie su Bandinelli? Ha ricominciato ad allenarsi? Che tipo di infortunio ha avuto al ginocchio? Perché se non avevo letto male l’intervento non era stato così complicato e dovuto all’esportazione di un piccolissimo frammento osseo. Ha avuto complicanze? O i tempi son quelli? (Ma quali? , Visto che ad ogni infortunio non c’è mai la giusta informazione)

      • Ma che cavolo di risposta è la tua… Non ho mica parlato di malattie che esulano dallo sport. Ci mancherebbe che su situazioni e infortuni calcistici la società si rifiuti di rispondere, sta magari anche agli addetti ai lavori informarsi e dare la giusta informazione su come si sta svolgendo l’infortunio (RIPETO, DOVUTO AL CALCIO E AD UN CALCIONE RICEVUTO IN PARTITA COME TUTTI BEN SANNO E HANNO VISTO!)

    • Per Bandinelli si parlava di rientro in gruppo tra una quindicina di giorni…quindi se cosi sarà lo rivedremo gradualmente in campo tra un mese…poi dovrà recuperare una condizione ottimale.

    • E’ vero! il presidente disse che Bandinelli aveva subito una operazioncina da poco, ma a quest’ora sembra che gli abbiano fatto la gamba nuova. Incredibile! Ma quando riprenderà ad allenarsi con i compagni? Quando si diceva per Pasqua, non si sbagliava di molto. Ma ce la farà a giocare qualche partita prima della fine del campionato?

      • Su Instagram ha messo alcune storie dove sta facendo riabilitazione con dei macchinari al Ginocchio, speriamo recuperi alla grande e ci aiuti per la serie A !

  2. L’empoli è una grande società, ma lo staff medico è molto carente. Non è la prima volta che gli infortuni si mostrano più gravi di quanto dicono.

    • Centrare sempre la diagnosi o i tempi di recupero da un infortunio è utopistico.Per giocare non basta stare bene, devi essere prestazionale altrimenti metti sotto la tua squadra.Inutile accusare lo staff medico.In tutte le squadre di tutto il mondo vengono stilati dei tempi di recupero che possono rivelarsi sbagliati.In tutte le squadre di tutto il mondo.PUNTO.

    • Si e’ vero soffrono le palle alte ai ragione….speriamo che sui calci d.angolo arrivi finalmente un gol del greco…o di Romagnoli o si Casale…pero’ Moreo le ultime due inesistente…dai se guoca lui…speriamo sia la sua partita…

    • Giocando Moreo trequartista, non puoi solo pretendere di avere più possibilità sulle palle alte, allora farlo giocare in avanti, in attacco; ma non ci siamo accorti che quando subentra, il centrocampo non ha più un suo punto di riferimento più avanzato, perchè non si sa mai dove si trova in quel momento della partita; si perde la compattezza e l’equilibrio in mezzo al campo; e molto spesso te lo ritrovi in avanti a rompere le scatole ai due attaccanti. Poi, ripeto, è Dionisi ad assumersi la responsabilità della formazione (sarà per lui dura non schierarlo), io spero solo che ci rifletta, e scelga la cosa più giusta per lui.

  3. Non c’è due senza tre e il quattro vien da se
    Potrebbe essere il quarto pareggio consecutivo, ma anche la quarta vittoria a fila contro il Pisa.

  4. Si il titolo è un pò fuorviante perchè è come se sia venuto dopo altro articolo allarma ed invece se non sbaglio eravamo rimasti alla sua uscita dal campo claudicante e con dolore in panchina. Bene che non ci siamo lesioni, ma insomma non è una bella notizia che non ci sia a Pisa.
    Mentre su Sabelli sembrava una cosa abbastanza lunghetta ed invece sembra una questione di saltarne 1/2 partite ancora. Credo che Dionisi non si affidi dall’inizio a Crociata sulla trequarti, può subentrare, ma se non l’ha mai provato li in partita in queste settimane è difficile che lo metta in quel ruolo. Vediamo

    • Bè visto le ultime prestazioni di Moreo, gli allenamenti servono anche a questo, cioè a provare determinate cose e posizioni in campo. Non conosco Crociata perché non ricordo ne il suo modo di giocare e nemmeno quanto sia stato bravo, nonostante qualche partita del Crotone l’abbia vista. Comunque un trequartista non si improvvisa e quindi mi auguro che in passato questo ruolo lo abbia occupato e in maniera proficua. Sennó inutile dire che sicuramente puó ricoprire meglio di Moreo il ruolo. Dopo che ci avrà giocato, se mai ci giocherà, potrò giudicarlo meglio. Così ad occhio e per quel poco che si è notato quando impiegato in maglia azzurra sembrerebbe un brevilineo da impiegare soprattutto in partite dove c’è più da attaccare che da difendere e forse dietro alle punte potrebbe anche non sfigurare e sostituire il Bajrami che esce. Anche perché credo sia difficile per lui giocare al posto di Haas e di Ricci a meno di squalifiche e nemmeno di entrare se devi difendere un risultato giocando da interno.

  5. Crociata è un centrocampista avanzato e trequartista; ha anche fatto l’interno sx anche se è un dx. Quindi il trequartista lo può fare benissimo; è abile nel saltare l’uomo, buone qualità tecniche e visione di gioco, oltre ad essere un buon assistman. Non mi sembra però il sostituto naturale di Bandinelli; poi ci si adegua a tutto.

  6. Moreo ha un pregio, ma un difetto allo stesso tempo: corre troppo.
    Corre talmente tanto in mezzo al campo che non dà punti di riferimento neanche ai compagni.
    Pensasse di più alla fase offensiva che a quella difensiva…..

  7. Per quanto riguarda il silenzio della società sugli infortuni dei giocatori, credo che siano dovuti per non rivelare alle altre società gli interventi chirurgici, oppure le riabilitazioni, e comunque la natrura degli infortuni perché queste rivelazioni potrebbero nuocere alla società stessa e ai giocatori al momento della loro cessione. Quindi se uno si fa male, si distoglie l’attenzione da lui, non se ne parla e poi…ricompare. Credo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here