Si è chiuso lo scorso 31 Dicembre l’anno solare che ha visto Pianetaempoli spegnere le sue prime 10 candeline: un decennio vissuto seguendo gli azzurri in casa ed in trasferta, raccontando i successi e le sconfitte, al servizio del popolo azzurro. Un’avventura iniziata per gioco il 24 Ottobre 2008 (Serie B, Empoli – Pisa 0:3) e che oggi è più viva che mai grazie al lavoro, all’inventiva ed al tantissimo tempo dedicato a questa creatura da tutti coloro che ne fanno parte oggi e ne hanno fatto parte in passato, ognuno portando in dote il proprio preziosissimo contributo.

L’anniversario è stato lo spunto per fare un bilancio di questo decennio azzurro, accendendo in redazione il dibattito sulla composizione di un’ideale squadra dei sogni 2008/2018, lasciando ovviamente libero spazio alla fantasia nel mixare protagonisti di periodi diversi. Al di là dei nomi indicati da ciascuno, l’aspetto più interessante è stato l’insieme di aneddoti e curiosità scaturiti da questo confronto, per cui ci siamo chiesti: “Perchè non mettere insieme punti di vista ancora differenti e raccogliere i ricordi, le storie, le emozioni dei nostri lettori?”.

Così apriamo questo nuovo capitolo, in cui periodicamente vi chiederemo di votare i componenti dell’ideale Dream Team azzurro 2008/2018: se vorrete aggiungere nei commenti i vostri ricordi, i vostri aneddotti, sarà un modo tutto nuovo ed unico nel suo genere di raccontare una fetta importante della storia di questa squadra e, perchè no, trasmettere a chi (per esempio per ragioni anagrafiche) non ha vissuto in prima linea quei momenti una memoria storica che dev’essere coltivata e tenuta viva nella mente e nel cuore di chi ama davvero l’Empoli. Perchè dietro questi colori, nella memoria di chi li vive e li ha vissuti, ci sono storie bellissime che meritano di essere raccontate. Emozioni autentiche e spontaneità che fanno tanto Empoli 1.0 e vita di provincia, che raccontano l’Empoli visto da “tifosi e non semplici spettatori paganti” (cit.), che rappresentano punti di vista magari non più alla moda in questi tempi di 2.0 ma ai quali siamo convinti non sia possibile rinunicare.

Naturalmente per dare un volto alla squadra del decennio occorre innanzitutto scegliere da chi farla allenare, quindi partiamo dalla scelta del mister elencando di seguito coloro che si sono seduti sulla panchina azzurra in rigoroso ordine cronologico (escludendo Beppe Iachini in quanto incaricato successivamente al 24 Ottobre 2018). Non vi diamo indicazioni sul criterio di scelta, lasciandovi la più ampia libertà di esprimere la vostra opinione: naturalmente ci sarà chi darà più importanza ai risultati sul campo, chi al gioco espresso, chi alla capacità comunicativa dell’allenatore, ecc. tutti punti di vista più che validi e legittimi. Per rinfrescarvi la memoria trovate di seguito alcune interviste fatte proprio a quei protagonisti.

Parola quindi al popolo azzurro: la votazione si chiuderà fra una settimana esatta, Mercoledì 30 Gennaio.

Silvio Baldini

Salvatore Campilongo

Alfredo Aglietti

Giuseppe Pillon

Guido Carboni

Maurizio Sarri

Marco Giampaolo

Giovanni Martusciello

Vincenzo Vivarini

Aurelio Andreazzoli

Rispondi al Sondaggio di PianetaEmpoli

Vota la seconda punta del decennio su Pianetaempoli.it

38 Commenti

  1. Il dilemma era tra Sarri e Giampaolo.. Poi ho scelto Sarri perché è stato quello che ha costruito quello che poi ha saputo ereditare Giampaolo e anche migliorare. Cmq 3 anni di panchina hanno influito sul voto… In ogni caso entrambi c’hanno fatto vedere cose Turche…

  2. Ho votato Sarri, un tifoso che si intende anche di calcio non dovrebbe avere dubbi, poi se qualcuno fa prevalere altri fattori allora la partita potrebbe far entrare anche Giampaolo o Andreazzoli, ma sono stati solo 1 anno e quindi non paragonabili a chi è stato 3 anni e ha aperto un grande ciclo.

  3. Sarri ci ha rivoluzionato, tre anni di gran calcio. Grandi meriti anche a Giampaolo, grande persona, risultati ancora migliori, ma con sarri ci siamo divertiti ancora di più.

  4. Sarri senza Dubbio prese una Sqauadra dai Play-out e l’ha portata in A con tanto di Salvezza e salvezza anche economica del Club(tralasciando i sentimenti e le emozioni). ForzaAzzurro!!

  5. Come risultato storico Giampaolo (10. Posto in A!!!) Come importanza Sarri (apertura ciclo e gioco vincenti) Ma alla fine, per affetto e riconoscenza infinita, ho votato Andreazzoli.

    • roba da ciucchi votare andreazzoli per aver vinto un campionato di serie b con una squadra che in squadra aveva:
      – il capocannoniere della precedente stagione di serie b
      – il regista della squadra campione della precedente stagione di serie b
      – il portiere premiato come migliore della precedente serie B
      – Pasqual
      – Maietta
      – Krunic
      – Bennacer
      – Zajc
      – Donnarumma
      – Ha ereditato una squadra impostata e costruita da un’altro allenatore

      che ridere che mi fate, in particolare te claudio.

        • Mha…. Davvero….. Io aggiungerei che era a 6 punti dalla promozione che non ha mai perso che alle big del campionato ne faceva 4 che è arrivato 13 punti sulla seconda….. Fate presto a dimenticare

          • Aggiungo anche che Sarri (sicuramente uno dei più grandi mister visti a Empoli) aveva in squadra Rugani Tonelli Mario Rui Hysaj Verdi Valdifiori Tavano Maccarone, gente che ha giocato o gioca la Champions e che sono stati nel giro delle nazionali….. sicuramente non era una squadra peggiore di quella dell’anno scorso eppure è arrivato secondo e con promozione all’ultima giornata

  6. indubbiamente Martusciazzo per quella frase di risposta ai fischi dei tifosi ” i fischi sono stati per l’atteggiamento ostruzionistico della squadra avversaria “

  7. ho votato Baldini ma ho sbagliato mi riferivo agli anni 1999-2003….sono troppo vecchio ormai…
    per questo decennio Sarri sicuramente…

  8. Martuscello tutta la vita, credo che sia di gran lunga il PEGGIOR allenatore, ma non solo dell’Empoli, di tutte le serie, professionistiche e non, in Europa, dal 2008 al 2018.
    Anche se allenatore mi sembra un termine anche troppo lusinghiero per lui, portatore di secchio sarebbe più indicato

  9. Non c e’ partita, se ancora oggi siamo in A e con il progetto di uno stadio di proprietà il merito è solo del Maestro che col suo gioco ha portato l Empoli alla ribalta nazionale e internazionale , permettendo alla società di monetizzare con cessioni di calciatori che senza il suo impianto di gioco non avrebbero mai raggiunto certe quotazioni( uno su tutti Valdifiori, lo volevano a pescara per 800.000 euro , venduto al napoli a 5 milioni e passa) il suo avvento e’ stato una benedizione per gli occhi e per le casse societarie , per sempre grato a mister Sarri

  10. L’Empoli di Silvio Baldini è stato precursore di bel gioco e voglia di andarsela a giocare su tutti i campi senza sentirsi la provinciale di sempre.Quindi SILVIONE TUTTA LA VITA!E se un giorno ritornasse ad allenare gli azzurri ne sarei più che contento!Quella lettera che scrisse è lì a testimoniare che c’era anche l’uomo e non solo l’allenatore.

  11. Sarri tutta la vita, perché ha cambiato il ns modo di pensare e vedere il calcio …. Maurizio ha avuto il grande merito di educare anche il pubblico oltre che i giocatori.

    • La penso come te.
      Ce ne vorrebbero di allenatori come lui che educassero ad apprezzare il bel calcio.
      Cmq qualche “testa dura” non molla!

  12. Giampaolo.
    Un grande uomo ed un grande allenatore, in quest’ordine non casuale.
    Peccato sia stato circondato di persone… “piccole” che si sono sentite offuscate dalla sua personalità.
    p.s. figurati se prendevi il paracadute con lui

  13. Ho provato a votare 3 volte lo stesso allenatore e tutte e 3 le volte l’applicazione che avete messo mi ha permesso di farlo.Ora chiedo alla redazione: “C’è un limite alle votazioni(che so magari 5)o uno puo’ stare tutti i santi giorni a dare decine e decine di voti a chi vuole?In tutti e due casi mi sembra una gran cavolata.Anche se naturalmente in una casa ci possono essere un computer solo e diversi componenti familiari,ma oggi ha il telefonino anche un bimbo di 6 anni,quindi chi vuol votare lo può fare dal suo telefonino e naturalmente una volta sola….sennò diventa davvero un sondaggio non veritiero!

    • Ti ringraziamo della segnalazione: è un inconveniente col quale eravamo consapevoli di dover fare i conti. I dati, a votazione conclusa, sarebbero comunque stati sottoposti ad un doppio filtro per evitare che l’esito fosse falsato da ridondanze, ad ogni modo abbiamo settato impostazioni più stringenti per cercare di circoscrivere alla fonte il problema. Chiaramente il lettore dovrebbe esprimere un singolo voto all’interno del periodo di apertura del sondaggio.

  14. Dico Sarri, perché ci ha aperto la mente e ci ha reso partecipi di un qualcosa che è ammirato adesso a livello internazionale.
    Da dopo lui, per me non esiste altra filosofia calcistica.
    Sperando un giorno di vedere Guardiola sulla nostra panchina (anche se credo più probabile vederlo su quella del Brescia…)

  15. Ironicamente ho votato Martusciello, direi che sarebbe molto bellino se tutti votassero Martusciello così per sfotterlo un po’.
    Credo sia stato il peggior “ allenatore “ di della storia del calcio mondiale.
    Anche in India, dove giocano con pomodori e cavolfiori al posto dei palloni, hanno allenatori migliori.

  16. Sarà durissima quando si dovrà scegliere la coppia d’attacco, ragazzi. Gente che a Empoli ha letteralmente sfondato le reti avversarie!!! Via, un ci pensiamo pe’ ora…..

  17. SARRI

    Ha preso una squadra dalle macerie e ha costruito una corazzata. Come ho goduto negli anni di Sarri penso che non godrò mai più…siamo andati a dominare a Milano, abbiamo tenuto testa alla Juve sul suo campo, abbiamo ASFALTATO il Napoli…che anni bellissimi. Anche Giampaolo e Andreazzoli resteranno nel mio cuore per il loro spessore umano e per il bellissimo gioco che le loro squadre hanno saputo esprimere, ma con Sarri non c’è partita.

    Mister Sarri Olè

  18. Sarri.

    Senza opposizione.

    Poi Giampaolo, Andreazzoli e tutta la stima dietro questi mostri sacri per Vivarini, che ha assemblato una squadra nuova e più debole rispetto a quella di Andreazzoli con buoni risultati anche se non ottimi.

    Poi c’è il bellissimo ricordo di Aglietti che si alza dalla panchina dopo Empoli-Vicenza 3-2 ma è solo un ricordo diamante in mezzo ad una stagione no.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.