Il verdetto finale è quello relativo all’accesso ai playoff e quindi si va avanti. Andando avanti oggi la squadra tornerà in campo per preparare subito la prossima sfida che sarà giocata martedi sera al “Bentegodi” contro il Chievo di Alfredo Aglietti. Ricordiamo che, a differenza di quanto detto ieri sera erroneamente nel corso della diretta facebook, che la gara sarà secca ma prevede anche i tempi supplementari in caso di parità al novantesimo. Resta però il fatto che l’eventuale pareggio, al 120′, premierà i clivensi.

Azzurri in campo quindi già oggi come detto, con Marino che naturalmente farà svolgere una seduta defiticante a chi ha giocato ieri sera. Sulla formazione è tutto da capire, chi è andato in campo ieri ha dato buone sensazioni ma l’avversario non puo’ certamente rappresentare un test veritiero, avversario che qualche grattacapo lo ha pure creato. Non dovrebbe recuperare Gazzola (uno degli acquisiti più sbagliati della stagione) uscito ieri dopo pochi minuti, ma non dovrebbe recuperare nemmeno Maietta ieri assente. Da capire se invece Stulac, anche lui ieri assente, avrà qualche chance. Ricci interno non ha convinto in pieno – e di fronte c’era il Livorno – più facile quindi pensare che se dovesse essere confermato Henderson al centro si possa vedere Zurkowski o Frattesi. O magari tutti e due. Davanti, se proprio La Mantia e Mancuso non posso convivere, puo’ darsi che torni titolare l’ex Pescara, anche se ALM19 sembra aver ritrovato il giusto smalto. Ieri non bene Bajrami, ci sarebbe un fresco Tutino ma… qui ci sarebbero da capire altre cose che non potendo vedere gli allenamenti, non possiamo capire. Crediamo però che non ci si discosti dal 4-3-3.

Rispetto a ieri, come un po’ già detto, non c’è da spendersi molto. I ragazzi hanno vinto la loro gara, anche con qualche difficoltà di troppo, e grazie agli altri risultati sono arrivati dentro ai playoff da settimi. Sono stati novanta minuti molto elettrici a livello di serie B con l’Empoli che si era ritrovato addirittura sesto ad un certo punto, per poi andare ottavo. Alla fine però siamo settimi sotto di una posizione ai gialloblù e sarà con loro che la giocheremo con l’handicap. Adesso conterà molto anche l’aspetto nervoso, conterà molto la tenuta fisica. L’Empoli, diciamolo anche un po’ per scaramanzia, continua a non dare grandi impressioni, anche a Livorno non è arrivata quella gara “schiacciasassi” che avremmo voluto vedere. Però adesso in qualche modo si azzera un po’ tutto ed ecco che la rosa stellare e ultramilionaria azzurra potrebbe tornare a raccontare quella storia mai racconta fin qui.

3 Commenti

  1. Premesso che il pessimismo cosmico è palpabile ovunque ed è giustificato da tanti aspetti evidenziati nel corso di tutta la stagione …. faccio notare alcuni aspetti…
    – con le bassissime aspettative, non abbiamo niente da perdere (abbiamo già perso, quando molti hanno sottolineato che non meritavamo);
    – il calcio è pieno di sorprese (Europeo vinto dalla Danimarca, che era già in vacanza, l’Italia di Sacchi che arrivò in finale del mondiale, non meritando);
    – ci siamo espressi meglio con le grandi e in trasferta, che tra le mura amiche.
    – i playoff presentano almeno 3 “deluse” dal campionato: Chievo, Empoli, Frosinone (tutte ambivano a salire direttamente, addirittura il Frosinone prima della sosta era 3° e si è ritrovato 8°)
    – abbiamo la rosa più ampia delle 6 rimaste, dove non c’è differenza tra chi va in campo e chi è in panca.
    – per me Zurkowski e La Mantia per me sono le armi in più.
    Ripeto, lo scetticismo è tanto (anch’io ci credo poco), ma provarci costa anche meno ….. vediamo….

  2. Ho notato una cosa..che con balcowez in campo si perde sempre..penso sia una coincidenza..oppure è che non sa difendere?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.