Le partite contro il Pisa non sono mai banali, all’andata Frattesi ci regalò i tre punti al 95′ in seguito ad un finale di partita folle, stavolta gli azzurri hanno esultato allo stesso minuto con un destro di rara bellezza di Tutino. Mister Marino così entra nella storia, vincendo così tre partite dal suo arrivo sulla panchina, ma soprattutto ha dato geometrie e ordine alla manovra mettendo i giocatori nei posti giusti, la squadra oltre all’innegabile qualità mostra intensità e carattere, come mostrato ieri contro i nerazzurri ribaltando una gara molto difficile.

In cronaca, il tecnico conferma il 4-3-3 annunciato alla vigilia: Maietta riprende il suo posto al centro della difesa affiancato da Romagnoli, Balkovec e Fiamozzi a presidiare le corsie esterne. Frattesi, Ricci ed Henderson in mediana a supportare il tridente composto da Tutino, Mancuso e Bajrami. Partono forte gli azzurri, in una gara dai ritmi quasi frenetici: Tutino pesca con il contagiri Frattesi, la sua conclusione è neutralizzata da Gori. Al 12′ è Bajrami a provarci con una incursione da destra, entra in area, sterza sull’interno, il suo tiro trova ancora il portiere avversario pronto all’intervento. Al 15′ Henderson pesca Mancuso, il quale va via a Caracciolo entra in area da sinistra, il suo tiro trova Gori a protezione del suo palo. Al 27′ Tutino si produce in una spettacolare rovesciata da posizione molto defilata, la sua conclusione non trova la porta di un soffio. A sorpresa al 28′ il Pisa passa: Benedetti pesca in verticale Masucci, il quale si libera di Romagnoli entra in area e fredda Brignoli.

A quel punto la gara si fa in salita per gli azzurri, per la parte restante del primo tempo e l’inizio della ripresa la squadra di Marino fatica a trovare gli spazi, anzi sono gli ospiti ad andare vicini al raddoppio con Pinato servito da Lisi. Ci pensa Frattesi a togliere le castagne dal fuoco servito da Henderson, il suo sinistro non lascia scampo a Gori. La gara si fa molto accesa, le due squadre provano a vincerla: fondamentale in due circostanze Romagnoli con due interventi sontuosi su Minesso lanciato verso la porta, poi come all’andata gli azzurri trovano la vittoria nel recupero, Tutino con un splendido destro fa esplodere il “Castellani” su servizio di Henderson.

Dando uno sguardo ai singoli, su tutti Romagnoli, il solito Henderson autore di una prestazione di straordinario spessore e Tutino. Tutta la squadra appare rinvigorita, nessun calciatore merita l’insufficienza. Vincere partite di questo genere potrebbe dare una spinta emotiva importante nella spinta verso le posizioni playoff. L’entusiasmo è alle stelle, ma occorre comunque mantenere i piedi per terra, pensare una partita per volta a partire da quella di lunedì sera a Perugia, se le prossime gare vengono affrontate con questo spirito possiamo davvero far bene, anche se le difficoltà non mancheranno come visto ieri sera nel confronto con i nerazzurri.

37 Commenti

  1. Forse fare giocare Sierralta e fare rifiatare Maietta potrebbe essere utile, sempre che questo non porti incrinature nello spogliatoio. Inoltre, ma credo lo stiano facendo, migliorare l’inserimento di La Mantia e Ciciretti ed il recupero di Stulac.

    • Marco perdonami. L’eventuale inserimento di Sierralta potrà avvenire in maniera graduale e con la tempistica giusta. L’esperienza di Maietta in questa fase di campionato, è indispensabile anche quando non brilla in campo, in maniera vistosa . Ieri in particolare, in un derby combattuto , la sua presenza è stata decisiva. Per la personalità, esperienza, rispetto degli avversari, peso specifico nei confronti dell arbitro. Un esempio. Il fallo su Masucci. Conoscendo la furbizia dell ex Sassuolo, 90 difensori su 100 sarebbero stati espulsi. Fidati.

    • D’accordissimo con Angelo, Sierralta da quello che si è visto sembra garantire più freschezza e dinamismo, ma meno esperienza e sicurezza. Non dimentichiamoci che un difensore centrale può anche essere fortissimo e fare interventi spettacolari, ma se si distrae una volta la frittata è fatta, e a me Sierralta sbaglierò ma mi dà un po’ quell’impressione. Poi non capisco perché c’è molta insistenza da parte di vari commenti su Stulac. Vero che ha più piedi di Ricci, ma è lento come la mi nonna, in una partita dell’intensità di ieri sera non c’avrebbe capito nulla, molto meglio Ricci che pur se un po’ impreciso è sempre nel vivo dell’azione. Ci saranno anche le partite adatte a Stulac, ma non era ieri. A Perugia spero di vedere La Mantia titolare

  2. se la partita di andata con quella vittoria è sembrata quasi mistica quella di ieri
    è una goduria unica.
    onestamente non si meritava di pareggiarla ne tanto meno di perderla.
    queste tre partite erano un mini ciclo che poteva certificare se il vero empoli
    fosse tornato o no.
    sono bastati 9 punti per ritrovare la posizione in classifica che questa piazza merita
    ma ancora le finali non sono finite.
    di certo la partita di ieri vale 6 punti perchè 3 sono di classifica e altri tre di morale.
    e poi quando vinci un derby cosi all’ultimo secondo ce poco da fare apoteosi.
    in maratona è volato tutto al gol.

  3. Credo che la differenza fra la rosa attuale e quella di inizio anno stia prendendo sempre più corpo.
    Henderson è un centrocampista intelligente ed esplosivo, che prima mancava; Tutino ha il genio ed i colpi del fuoriclasse. Complimenti al DS del Verona che ha allestito una squadra attualmente sesta in classifica in A, pur avendo ceduto due giocatori di questo calibro.
    Marino è un “allenatore”: questo basta, questo bastava e, speriamo, basterà per il futuro, soprattutto a gestire una rosa “importante” e “numerosa”.

    P.S. più lo vedo giocare e più Tutino mi ricorda Carmine Esposito: stesso genio, stessi colpi, la partenza sull’esterno sinistro…

  4. La vittoria sul Pisa, dimostra che questa è una grande squadra,poche altre formazioni avrebbero vinto questa partita, il che significa che se non ci montiamo la testa tutto può succedere alla fine, staremo a vedere io ci spero in un finale scoppiettante per noi, specie avendo un mister come Marino.

    • Purtroppo dobbiamo dire che con Muzzi in panchina l’avresti persa e con Bucchi al massimo pareggiata.
      Che carattere, che voglia di vincere!!!! Trasudava dal campo!!!!

      • Con questa rosa e con questa panchina Bucchi non avrebbe sfigurato. Muzzi è un caso a parte, non è un allenatore al momento attuale. Dovrà fare un pò di gavetta ancora. La colpa non è tanto sua ma di chi lo ha chiamato pensando che l’asino possa diventare cavallo. Probabilmente fra cinque anni potrà dire la sua.

  5. Intanto s’è messo i’Venezia a 5 punti: Cosa non da poco. Adesso nel mirino c’è l’Entella, ricordando che il Verona, l’anno scorso, fu promosso arrivando ottavo.

    • sono pienamente d’accordo, il mini ciclo è valutabile su 4 partite 2 in casa e 2 fuori, avversari di alta classifica e scontri diretti. Dopo Perugia secondo me si può tirare una riga e stabilire l’obiettivo. Promozione diretta, play-off o salvezza tranquilla. Non ci dimentichiamo che dietro sono veramente vicine, specie Cremonese e Venezia da affrontare tutte e due in trasferta.

      • La penso come te.
        Sono però convinto che questo organico sia molto forte (la base era già valida ad Agosto sebbene i flop Laribi/Dezi, la forzatura di Veseli terzino e la “maledizione” La Gumina… godrò ancora a lungo per la sua cessione alla Samp a 7.5mln+bonus futura cessione) e la serie B di quest’anno sia davvero poca cosa se paragonata a tutte le altre serie B dal 1996 ad oggi.

        Dirò una bestemmia, ma va bene lo stesso: con ogni probabilità non ce la faremo perché la rimonta è partita in grave ritardo, ma questa squadra deve puntare al 2’ posto cioè alla promozione diretta… poi, alla fine tireremo le somme e quello che viene, viene

  6. Sera vinto anche all’andata, e allo stesso modo quindi, il problema non era BUCCHI ma lo era Muzzi, quel modulo lo voleva fare anche BUCCHI e qualcuno glie lo ha impedito
    Poi con inserimento di giocatori di categoria,
    No Piscopo, e Merola che io sapevo che erano cantanti, giù siamo obbiettivi

  7. Quelle dietro non scherzano attenzione ! Ricordo che il verona e stato promosso scandalosamente ai danni del cittadella x cui non abbiamo certo i favori arbitrali con il mafioso lotirchio che non vede di buon occhio le piccole realta’ come la nostra x cui x quest anno io spero in una salvezza tranquilla il resto e trovato. Bisogna rifare lo stadio intanto x dare una migliore immagine di noi…….frosinone 9 rigori a favore 3 contro. A noi ce ne mancano 3 o 4 senno eravamo a 4 punti dal secondo posto.

  8. Continuiamo su questa strada e alla fine faremo i conti, per quanto riguarda maietta purtroppo non ha più l età di un ragazzino e un po’ di riposo non gli farebbe male

  9. Enrico quando c’era Bucchi il 433 non si poteva fare. Non c’erano Tutino e Ciciretti. Poi son d’accordo con te che questa trasformazione nonè solo merito di Marino ma anche del mercato in entrata e in uscita (levarsi da 3 passi Laribi, Dezi, La gumina e Veseli) è stato determinate. Abbiamo sbagliato il mercato in estate e questo rivaluta un pò Bucchi. Però si giocava davvero male. Sia con Bucchi che con Muzzi non si tirava in porta quasi mai in 90 minuti, Io posso capire non stare primi in classifica, ma un po’ di igoco ci doveva essere. ma il 433 visto la rosa non si poteva fare al tempo di Bucchi.

    • Bucchi viene esonerato dopo Empoli Pescara 1 – 2, l’11/11/2019. In 12 partite ne aveva perse 3, di cui una con il Pordenone che tutti ricordiamo perché l’Empoli, nonostante giocò sin dal 2′ del primo tempo in dieci, meritava almeno il pareggio. Bucchi ha avuto a disposizione l’undici titolare per soli quattro turni. Dopo di che Moreo è scomparso dai radar, La Gumina ebbe infortuni a raffica, Mancuso giocò per due volte con la febbre. Di quali errori può essere imputato il mercato estivo se non del fatto che la panchina era corta? Quali accuse possono essere rivolte a Bucchi per il rendimento non da prima squadra del campionato della sua squadra, ma certamente non da ultima?

      • Che la squadra camminava…..di questo si può additare Bucchi , figlia di una preparazione imbarazzante almeno Muzzi è servito a dare a Marino una squadra che vola adesso

        • AH AH AH AH. Che risate a leggere certi commenti. Molto meglio delle comiche. Ma lo volete capire (anzi, lo vuoi capire) che Marino, non tu, quella cosa lì l’ha detta perchè sulla parentesi Muzzi non c’era una cosa di buono, dico una, che per cortesia corporativa si potesse dire? Gli sciocchi purtroppo, come diceva Goethe, guardano il dito che la indica, non la luna.

  10. Tony in questa squadra rispetto all’estate sono dentro Fiamozzi, Ricci, Henderson, Tutino e dicamo La mantia (dovrebbe credo riprendere il suo posto da titolare) e potrei metterci Berami che con Bucchi non giocava. Sono usciti Dezi, Laribi, Veseli, La gumina e Stulac (anche se sempre in rosa). se cambi 5/6 undicesimi non mi sembra la stessa squadra di Bucchi. Pero’ lo stesso Bucchi doveva riuscire comunque a far meglio soprattutto nel gioco. Si giocava male male (poi con Muzzi ancora peggio e ancora meno risultati). Quindi Bucchi ha le sue colpe, pero’ a sua parziale giustificazione la squadra oggi è profondamente cambiata.

    • Bucchi avrà sbagliato un paio di partite, che possono sembrare molte ma rientrano assolutamente nella media. Per il resto, è quello che continuo a dire senza che nessuno riesca a sentire, è stato costretto a giocare, grazie agli infortuni, con ragazzini della primavera in ruoli chiave (Piscopo, Merola, Pirrello). Spero di essere stato chiaro. Paradossalmente la dirigenza ha dato più o Casio i a Muzzi che a Bucchi: i risultati sono sotto gli occhi di tutti, senza ulteriori commenti.

  11. Ragazzi ma perché un di dicono le cose come stanno? Si possono sbagliare i giocatori, ma non l’allenatore! Marino rispetto a Bucchi e Muzzi è di un’altra categoria!!! Quando hai indovinato l’allenatore, hai fatto tutto.

  12. Rispetto all’articolo non sono d’accordo che sull’1-1 il Pisa abbia provato a vincerla. Poteva capitare, ma con ripartenze frutto del caso. l’Empoli ha provato, con difficoltà, a vincerla. Il Pisa ha fatto un ostruzionismo osceno da serie Di perdendo tempo in continuazione.
    Vittoria meritata da noi e non poteva essere altrimenti. Perché anche con alcuni problemi l’abbiamo voluta!

    • Credo che il tuo commento non sia obiettivo e non rispecchi l’andamento della gara. Il Pisa non ha una grande squadra altrimenti il 2 a 1 sarebbe stato loro e a Fiamozzi avremmo dato zero in pagella e in panchina a vita. Il 2 a 1 è stato nostro per un errore difensivo di un loro giocatore letteralmente addormentatosi nell’area piccola.

  13. Credo che il tuo commento non sia obiettivo e non rispecchi l’andamento della gara. Il Pisa non ha una grande squadra altrimenti il 2 a 1 sarebbe stato loro e a Fiamozzi avremmo dato zero in pagella e in panchina a vita. Il 2 a 1 è stato nostro per un errore difensivo di un loro giocatore letteralmente addormentatosi nell’area piccola.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here