Dieci punti in quattro partite. Miglior inizio non si poteva sperare. Contro la SPAL è arrivata la terza vittoria della stagione, la seconda in pochi giorni dopo il blitz di Pescara. Con lo stesso identico punteggio, 2-1, anche se con modalità completamente diverse. È stata infatti la prima volta che l’Empoli si è trovato a dover gestire uno svantaggio. Prova superata, possiamo dire, visto che i ragazzi di Dionisi non si sono lasciati sopraffare dal gol di Salvatore Esposito e hanno continuato a spingere sull’acceleratore.

Fin dall’inizio l’Empoli ha mostrato grande determinazione. Nel primo tempo, però, ha pagato qualche errore di troppo in fase di impostazione. Ci ha messo del suo anche la SPAL, che con il 3-5-2 deciso dall’ex tecnico azzurro Marino, si è coperta bene senza lasciare troppo spazio alle avanzate azzurre. Nonostante ciò, terminare 0-1 la prima frazione è sembrata quasi un’ingiustizia.

Ma è nella ripresa che la musica è cambiata del tutto. L’Empoli ha continuato a spingere, ma con maggiore continuità e varietà di soluzioni. Perché alla fine è proprio questo il maggior pregio dell’Empoli targato Dionisi La squadra lotta, è viva, ci crede. Ma soprattutto ha tante soluzioni, tante variabili che gli permettono di cambiare gioco in qualunque momento. Il trequartista non riesce a liberarsi dalla marcatura? Ci pensano i terzini a spingere e a gettare in area ottimi cross per gli attaccanti. Sembrano lontani i tempi dell’Empoli senza idee e monotematico.

Bene in generale tutta la squadra. Certo, qualcuno ha brillato meno (vedi Olivieri), ma non era facile essere gettato nella mischia ed essere subito risolutivo. Nel complesso gli azzurri si sono mossi bene, arroccandosi in difesa, se necessario, e spingendo quando ne avevano la possibilità. Romagnoli continua a essere un perno difensivo importante, Terzic e Fiamozzi sono meno timidi del passato e si presentano con una certa costanza dalla tre quarti in avanti. A centrocampo rimarcare le ottime prove di Stulac e Bandinelli, rinvigoriti dalla cura Dionisi e lontani parenti dai giocatori visti lo scorso anno.

Una menzione particolare per i cambi di Dionisi, risultati decisivi ai fini della rimonta. L’impatto sulla partita dei vari La Mantia, Moreo e Haas (sopratutto questi ultimi due) è stato devastante. L’ex attaccante del Palermo, col 10 addosso, è un giocatore a tutto campo. Imprescindibile per Dionisi, sontuoso per i tifosi azzurri. Il suo tacco volante avrebbe meritato maggior fortuna, ma sull’azione del gol si è visto perfettamente quanta fiducia in questo momento. Gli riesce tutto, anche cose impensabili per un “lungagnone” come lui. Moreo è l’immagine perfetta di questo Empoli di inizio stagione: voglioso e creativo, fa cose che il tifoso azzurro non si sarebbe sognato di vedere.

In definitiva la partita con la SPAL lascia molto dei tre punti conquistati sul campo. Ci dà la consapevolezza di avere una squadra con qualità importanti, allenata da un tecnico che è riuscito a far breccia sui suoi giocatori in poco tempo. Il cammino, lo ripetiamo, è ancora lunghissimo. Ma Alessio Dionisi ha finora toccato i tasti giusti e gliene va dato atto. C’è molto di suo sulla partenza sprint dell’Empoli.

17 Commenti

  1. Il giornalista questa volta non se l’è sentita di esprimersi su Nikolaou, che invece avrebbe meritato maggiore considerazione, almeno in questa partita. Ha elogiato Romagnoli, Fiamozzi e Terzic, ma niente su Nikolaou.

  2. Haas è stato veramente straordinario, guidato da un entusiasmo e da una foirza fisica eccezionali. Amdrà lontano…intanto però spero che ci andiamo anche noi con lui.

  3. Ora nessuno vuol dire che ci si aspetti da Nikolaou prestazioni alla Nesta o alla Baresi, tanto per citare due super difensori, per cui non vedo perché non si debba essere contenti della sua prestazione. Ormai è stato preso di mira un pò da tutti e basta che sbagli un disimpegno e gli si da addosso, oppure che si prenda un goal e anche se come ieri sera non c’entra niente, la colpa viene data a lui. Ma qual’è il difensore che non sbaglia un passaggio? Ma non solo la cosa riguarda i difensori, ma anche tutti i componenti della rosa. Ha giocato una buona partita ieri sera e chi dice il contrario sarà meglio che vada a rivedere in replica la partita. Se sbaglia si può certo criticare la sua prestazione come quella degli altri, ma non quella di ieri sera e mi fa specie che la Redazione di Pianeta Empoli gli abbia rifilato un 5,5. Sinceramente a livello di centrocampo si è rivisto ancora uno Stulac molto positivo e con il rientro di Zurkowski e Haas o a destra o a sinistra il centrocampo ci guadagnerà parecchio a livello di centimetri e kg. Da dire comunque che le note positive son venute un pò da tutti i giocatori azzurri e di questi, qualcuno, (ma non io) quest’anno avrebbe fatto a meno. Parlo di Fiamozzi e Bandinelli su tutti. Quanto a Moreo mi domando anch’io che ci faceva chiuso nel bozzolo se sa volare meglio delle farfalle. Devastante dopo il suo ingresso. Squadra che Pescara a parte ha incontrato 3 delle squadre più accreditate a fare il salto di categoria e per ora son ben dietro a noi in classica e da 0 punti che avremmo anche potuto conquistare contro di loro, ne abbiamo messi insieme ben 7. E 7 sono i punti che ci dividono fra noi e due delle maggiori candidate al salto in A e per ora, per carità,sarà anche presto, ma possono fare una cosa sola. SALUTARE LA CAPOLISTA!

    • Daniele, obiettivamente Nikolau ha sbagliato tantissimi passaggi e francamente un limite gli va messo.
      O comincia a migliorare tecnicamente o non gli si da la possibilità di impostare l’azione.
      Pensate solo se ogni tanto qualcuno di quei passaggi viene intercettato e ci fanno gol.
      Voglio vedere poi cosa dite…

      • Si vede che ho visto un’altra partita o che la vista con l’eta’ incomincia ad offuscarsi. Ieri ha sbagliato molti passaggi?

        • Ha ragione Daniele. Ha giocato bene Nikolau. E fa quello che il signor Romagnoli non fa, ovvero imposta. Non è semplice per un centrale di difesa. Ero un fan accanito di Maietta ma anche a lui capitava di sbagliare molti passaggi in impostazione. Ripeto, a Romagnoli non gli capita perché non lo fa, non c’ha i piedi per farlo. Poi Romagnoli è un signor centrale in fase difensiva, ma quello è un altro discorso.

    • Riguardati gli highlights della partita e vedrai come è andata l’azione del goal della Spal. Nikolau s’è fatto saltare come un birillo sulla linea di fondo da uno spallino, senza opporre resistenza alcuna, eppure eravamo fuori dall’area di rigore ed avrebbe potuto anche esercitare una pressione più decisa. Da li è arrivato il cross al centro che Esposito ha messo dentro anche con la complicità di Brignoli che si trovava fuori porta per una uscita (sbagliata) precedente.

  4. La svolta è stata nel loro vantaggio. Da lì in poi l’Empoli è cambiato. Moreo (cosa impensabile solo 1 mese fa) è imprescindibile e forse ha trovato la sua reale posizione, bravissimo Haas che con Moreo ha spaccato la partita. Ottimo Bandinelli, Mancuso e Stulac (lontani parenti di quelli visti fino a agosto), ma anche Nikolau sta migliorando e ha più confidenza con la partita (la migliore da quando è a Empoli).
    Dionisi mi è piaciuto nella gestione e nei cambi: chapeau.

  5. Dimenticavo, qualcuno, su questo sito cambierà opinione anche su La Mantia, giocatore che i suoi goal li segnerà senza alcun dubbio. 4 partite è già per molti andrebbe spedito ad altra squadra. Un pò di pazienza no?

  6. Ma mi dici alla fine cosa avevi rischiato prima del loro casualissimo goal? Niente di niente o mi sbaglio? E alla fine mi pare che per le occasioni avute da parte nostra il risultato ci sta anche piuttosto stretto.

  7. A me per ora piace molto Stulac sembra rinato,fa girare tutta la squadra poi davanti siamo veramente un’ottima formazione.
    Continuiamo così che ci divertiamo poi quello che viene viene

    • Daccordo con te; io ho sempre sostenuto che bisognava dargli un’altra possibilità, non poteva essere il brutto giocatore visto l”anno scorso ! Però, sempre per fare una critica costruttiva, deve tirar fuori tutta la sua personalità, è lui che deve comandare il centrocampo, è lui che deve richiamare i centrocampisti a rispettare i ruoli in campo. Cioè in sostanza deve essere più cattivo e deve farsi rispettare maggiormente. Quando riuscirà ad acquisire questa grinta, diventerà un grande giocatore, perchè le doti tecniche non gli mancano.

  8. Chi scrive SOLO x criticare (la maggioranza )e sottolineare gli errori senza MAI elogiare le cose positive (che in questo periodo sono tante)…BISOGNA CHE X VEDERE LA LORO SQUADRA DEL CUORE PIGLINO L’A1 e faccino almeno 300 km.

    PS. ben venga invece chi critica..ma sottolinea anche le cose positive…QUESTI SONO I VERI TIFOSI AZZURRI

    AVANTI COSI EMPOLI

  9. Ragazzi noi veniamo da una annata “disgraziata” dove tutti noi…e dico TUTTI…abbiamo criticato tutto il possibile immaginabile (e a mio avviso giustamente)…quest’anno invece è un altra musica…gli stessi giocatori sembrano “rigenerati”…l’esempio di Moreo è valido per tutti…sinceramente in questo momento criticare qualcuno la vedo dura…poi naturalmente c’è qualcuno che sbaglia qualcosa (vedi Nikolau) ed altri quasi nulla ma in linea di massima…a cominciare da Dionisi…per il momento bisogna solo fare un grosso applauso a tutti!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here