Nonostante il rammarico per l’errore arbitrale che impedito all’Empoli di uscire vittorioso dalla trasferta di Ferrara, la giornata è stata abbastanza favorevole. Nell’anticipo del venerdì cade il Monza, in casa contro il Pisa, prossimo avversario degli azzurri: la doppietta di Palombi – il primo gol è l’esatta fotocopia di quello realizzato da Mancuso contro i brianzoli – sentenzia la debacle dei padroni di casa, che falliscono anche un rigore con Boateng. Male anche il ChievoVerona, superato di misura dal Brescia (in rete Ayé).

Sale il Cittadella, corsaro a Pordenone: con i tre punti i veneti salgono al secondo posto agganciando proprio Chievo e Monza. Si fa sotto anche il Venezia di Zanetti, che prevale sul Pescara grazie a una rete per tempo e si insedia al quinto posto in coabitazione con la Salernitana, che non va oltre l’1-1 casalingo contro il Vicenza. Dopo quattro gare senza ottenere la vittoria, il Lecce torna al successo in quel di Cremona e raggiunge l’ottava posizione.

In coda preziosa vittoria per la Reggiana di Alvini, che grazie al rigore di Ardemagni (che con questo gol diventa il calciatore ad aver segnato più gol in Serie B senza averne fatti in Serie A, superando l’ex lucchese Paci) si aggiudica lo scontro diretto con l’Ascoli e dà uno scossone alla sua classifica: finisse oggi il campionato, sarebbe salva. Al contrario, scivola in casa l’Entella dell’ex Vivarini, superata da un Frosinone in crescendo rispetto alle ultime apparizioni.

Nel posticipo del lunedì il derby calabrese tra Cosenza e Reggina finisce con il risultato di 2-2: agli ospiti non basta il doppio vantaggio firmato Menez-Folorunsho, Trotta e Carretta riportano il risultato in parità.

20 Commenti

  1. Occhio al Frosinone, la migliore squadra vista contro l’Empoli.
    Hanno preso Iemmello e se la squadra continua a crescere se secondo me può essere la favorita nei play off, chiunque ci vada…

    • Mah, io non ho visto una grande squadra a Empoli. Sì domenica ha vinto, ma ha anche rischiato di perderla con una squadra dei bassifondi

  2. Il Pisa è in un momento molto positivo e addirittura ha raccolto meno di quello che meritava, un po’ come noi. Ma la squadra che è più in forma di tutte ora come ora è il Venezia, che nelle ultime cinque ne ha vinte quattro e pareggiato una. Le prossime due saranno gare da affrontare con la massima concentrazione e determinazione se si vuol continuare a stare in vetta.
    Col Pescara Stulac ha fatto la peggior partita del campionato, mentre a Ferrara, grazie anche al genio di Marino che l ha lasciato senza marcatura per tutta la partita, è stato il meglio in campo. D angelo mi sembra sappia leggere le partite nettamente meglio dello spallino, speriamo Dionisi non sia da meno.

  3. Siamo i più bravi, nonostante arbitraggi al limite del ridicolo e del disonesto e anche al netto di qualche scelta tecnica non sempre illuminata.
    Serve remare tutti, ma proprio tutti, compatti e uniti e possiamo portare la barca in porto!!!
    Io ci credo e ci credo sempre più ogni settimana e ogni istante che passa.
    Al momento non vedo nemmeno calo fisico, anzi le ultime abbiamo finito in crescendo!!!!

  4. Ok, però adesso parliamo non solo della 23esima giornata, ma anche quello che hanno detto queste 23 giornate (ne mancano 15,che non sono poche ma nemmeno poi tante). C’è una squadra in testa (ma praticamente da mesi e mesi) che può mettere in evidenza numeri importanti. Tra i più importanti, primo posto con 5 punti di vantaggio su seconda e terza, una media attuale di1,9 che ti porterebbe a 72 punti finali, una sola sconfitta, attacco più prolifico, nessuna sconfitta casalinga (nei campionati di A e B solo la Roma può vantare tanto), checché se ne pensi visto i diversi pareggi anche il maggior numero di vittorie sia totali che esterne ….. e mi fermo perché ci sarebbero anche altri numeri da evidenziare. C’è anche da dire che visto il grande assembramento di squadre che abbiamo dietro e che con il punteggio son più o meno tutte li, gli scontri diretti tra loro potrebbero portarle a mangiarsi punti tra loro e abbassare anche la quota promozione diretta.

  5. Ma si potrebbe andare anche più in là con le considerazioni, FERMO RESTANDO che se Monza e Spal o altra incominciano a vincerne, come si direbbe a Empoli, un fottio, allora ogni possibile calcolo virtuale e non, va a farsi benedire. Guardando a quello che si dice riguardo al traguardo salvezza e credo a ragione visto i punti con cui ci salva in B, con 50 punti ci si salva con sicurezza. Bè una squadra che raggiunge questo punteggio finisce il campionato con una media punti di 1,3 a partita, ma più realmente si abbassa anche ad 1,2 visto che la salvezza anche l’anno scorso è arrivata con 46 punti. Quindi se noi nella malaugurata ipotesi di rovinare tutto quello di buono abbiamo fatto e caliamo nei risultati fino ad ottenerli come una squadra che deve salvarsi chiuderemmo intorno ai 62/64 punti. Questo chiaramente ottenendo nelle prossime 15 partite dai 18 ai 20 punti. Quindi sono più che fiducioso di fare meglio e di arrivare in uno dei due posti che portano in A. Vinciamo a Pisa è il primo obiettivo, cioè quello a cui puntano molte squadre è raggiunto. Poi pensiamo al resto!

  6. La quota retrocessione non la guardo neanche. Come ieri accennava Enrico, la quota minima per andare direttamente in A è sui 70 punti, ma forse anche meno (Crotone 68); le squadre che ci seguono, anche facendo 2 punti a partita, con 15 partite arriverebbero a 69 pt. Quindi il campionato è un po’ nelle nostre mani, ci mancano almeno 26 pt, poco più di 1,7 pt a partita, cioè una media abbastanza inferiore a quella di oggi, e abbiamo tutte le carte in regola per arrivarci (a meno di sfracelli….)

  7. Mai perso…stravinto o pareggiato.. Anzi dominato praticamente con tutti le ultime 5 gare.. Tutte scontri diretti. E bisogna riconoscono gente… SIAMO I PIÙ FORTI. PUNTO

  8. E vero, ma va messo in conto che con l’Ascoli potevi anche perdere, ma grazie al tanto vituperato (nel senso buono) Moreo l’abbiamo pareggiata dopo aver rischiato un 2-0 da ko, visto l’ottima partita dell’Ascoli. Con la Reggiana poi giocando 38 minuti in 10 il pareggio non va disprezzato. Probabilmente pur non avendo giocato una gran partita, con il Pescara il rammarico dei 3 punti, quello non può mancare. Mi bruciano più le non vittorie con Monza, Spal, Lecce e in parte di Cittadella con la punta massima raggiunta con il pareggio contro il Vicenza per un fallo da rigore quanto “stupido” che inutile.

  9. A me rimangono sul gozzo, le non vittorie con le piccole (Ascoli, Vicenza, Reggiana e Pescara), raccolti solo 4 pt, bastava vincerne 2 per avere dai 2 ai 4 pt in più. Con SPAL, Monza e Lecce ci sta di pareggiare, anche se in quella maniera, ma va più che bene.
    Col Pisa bisogna tentare di vincere, poi se si vede che non è giornata, va bene anche il pareggio.
    Bisogna mettersi in testa che i nostri punti di forza sono l”attacco e la difesa (se ben disposta e adeguatamente protetta), quindi le partite le possiamo vincere, e se vogliamo pareggiare, le possiamo pareggiare senza particolari patemi.

    • A Pisa è bene andare a giocare per il pareggio.Se poi loro esagerano(come penso) allora ci scappa il nostro golletto e la partita cambia.Ma a Monza e Lecce hanno vinto in contropiede ed evidentemente lo sanno fare bene.
      A me non interessa dominarli.Basta portare via un buon risultato.Non è una partita semplice e soprattutto se al 75esimo siamo in vantaggio, speriamo che mister Dionisi rinforzi la difesa togliendo il trequartista/punta e metta Olivieri e Matos per ripartenza veloci.

      • A Lecce, e soprattutto a Monza, non abbiamo vinto in contropiede. Guardatele le partite prima di giudicare. La forza, e a volte il punto debole, del Pisa è quello di affrontare tutte le gare allo stesso modo. Il Pisa non ha una squadra per puntare allo zero a zero perché tranne i centrali difensivi ha tutti giocatori votati più ad attaccare che a difendere. E’ chiaro poi che quando trovi squadre come Lecce, Monza e lo stesso Empoli, brave tecnicamente, devi mettere in conto che in alcuni momenti della partita sei costretto a difenderti e puntare sulle ripartenze. Secondo me Lecce e Monza hanno un po’ snobbato i nerazzurri che, a meno che non ci sia un grosso divario tecnico, quando trovano avversari che giocano possono sorprendere come è proprio successo in queste due partite.

        • Giusto, il Monza con il Pisa era una squadra irriconoscibile, dei morti in campo, e si sa che se i brianzoli non pressano e corrono, possono perdere da tutti.
          Con noi hanno giocato alla morte, dando tutto.

  10. Si poteva tagliare il traguardo dei 100 punti😅😇
    Io ad agosto ho scommesso che a fine febbraio si ammazzava il campionato, sono
    ancora in tempo ….l’avevo gia scritto a dicembre

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here