Brutta e pesante sconfitta per gli azzurri che vanno cosi a certificare l’essere in crisi. A Frosinone squadra spaesate e come sempre impaurita, ne esce cosi una goleada dei canarini.

Al termine della gara, nella zona mista dello stadio “Stirpe” è intervenuto ai nostri microfoni il portiere Albero Brignoli. Intervista molto, molto interessante con Brignoli che non le manda a dire. Al di là che per i contenuti, ringraziamo Alberto per essere venuto a mettere la faccia, unico calciatore in mezzo al fuggi fuggi generale nonostante le ripetute richieste da parte dell’ufficio stampa che ringraziamo. La squadra conferma di non avere leader veri e propri, forse l’unico è proprio il portiere. Il servizio è a cura di Alessio Cocchi grazie alle riprese di Tommaso Chelli ed è fruibile in HD.

11 Commenti

  1. La squadra ha dei valori, non sono tutti dei brocchi, questo è chiaro.
    Brignoli è uno di questi valori, uno di quelli da cui ricostruire un gruppo che ad oggi non c’è ma che va ricostruito al più presto.

    Per Gennaio: mantenere la gente valida che abbiamo, sperare di inserirne altra forte (sia tecnicamente che mentalmente). Mandare via i mezzi calciatori o addirittura i bidoni… quelli che insomma “rubano” soldi all’Empoli Calcio perché sopravvalutati e percependo stipendi non meritati.

    Ricordo che ad l’Empoli, un tempo nemmeno troppo remoto, fu la prima società ad istituire il “salary cap” (tetto salariale) che mi pare fosse di 150K € in serie A: l’Empoli è quello. Chi viene qua, deve avere fame

  2. Bravo brignoli l’unico che ci mette la faccia quando invece il resto scappa. Mentre i presunti leader come Maietta e veseli dove sono?

  3. Bravo brignoli inizia a prendere per l orecchi tutti i vagabondi della squadra e se non ce la fai perché sono troppi chiama noi ti si da una mano!!!

  4. da quello che dice sembra che lo spogliatoio non remi tutto dalla stessa parte
    e che il gruppo non sia ben unito e che non ci sia unità d’intenti.

  5. Ha detto cose sacrosante, ma principi che dovrebbero essere ben conosciuti a tutti. Forse manca un vero leader, o semplicemente il gruppo è composto per la maggioranza da gregari che han bisogno di una guida e sicuramente ciò che manca nello spogliatoio è la serenità. Io penso che di questo nei stiano ragionando anche troppo. È un po’ come in un rapporto quando si vuole a tutti i costi analizzare i sentimenti:alla fine si rischia di rendere tutto troppo didascalico e scontato. Qua c’ è da correre, onorare la paga è sputare sangue ed ovviamente che seleziona, deve farlo non per ingraziarsi chi l’ ha scelto ma premiare chi si danna l’ anima x il gruppo.. Basta.. Non c’ è altro da approfondire..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.