Un Empoli incredibile, bellissimo, stravince il derby rifilando un netto 3-1 al Pisa e si mantiene al primo posto in classifica. Gli azzurri, in campo con la maglia color vinaccia per celebrare il centenario della società, offrono una grandissima prestazione, vincendo una partita in rimonta dopo che gli ospiti erano passati addirittura in vantaggio al 12′. Ma da quel momento l’Empoli diventa padrone del campo pressando insistentemente la metà campo nerazzurra e al 39′ è il solito Moreo a rimettere il match in parità avventandosi su un pallone arrivato dalla sinistra da Bandinelli, e trafiggendo Perilli con una girata al volo di esterno destro. Nel secondo tempo un buon inizio dei nerazzurri ma gli azzurri di Dionisi riprendono subito il controllo della partita spingendosi alla ricerca del vantaggio che viene realizzato al 75′ con Moreo che riceve palla al limite dell’area e lascia partire un missile respinto corto da Perilli sul quale si avventa sul pallone La Mantia che ribatte in rete. Passano pochi minuti e Moreo serve sulla sinistra Bajrami, passaggio di prima intenzione per La Mantia che segna con una zampata da rapace d’area di rigore chiudendo il derby sul 3-1 per l’Empoli. E’ festa grande al Castellani per i mille spettatori azzurri presenti sugli spalti, che hanno applaudito e incitato gli azzurri nel corso della partita.

Una vittoria da squadra vera, di personalità e carattere per un gruppo che sta sorprendendo sempre di più. Come accaduto nella partita di martedì scorso contro la Spal, l’Empoli rimonta lo svantaggio iniziale a dimostrazione anche di una condizione fisica invidiabile, tanto che nel secondo tempo gli azzurri dominano in lungo e in largo considerando anche che era la terza gara giocata in una settimana. Tredici punti in cinque partite di campionato sono un bottino inimmaginabile alla vigilia, una squadra con molti dei singoli trasformati rispetto a quelli visti nella passata stagione. Su tutti Stulac e Bandinelli, ora dominatori del centrocampo fino alla rivelazione Moreo, autentico numero 10 della squadra grazie a un intuizione geniale di Mister Dionisi nel farlo giocare in quella posizione. Tra i migliori in campo nel derby anche il terzino Terzic, inesauribile sulla corsia di sinistra, sfonda con continuità senza che nessun avversario riesca ad opporsi, mettendo in mezzo cross sempre invitanti per le punte.

Non possiamo non parlare di Alessio Dionisi, un Mister che crediamo sia uno degli artefici di questo inizio di stagione, un allenatore che fin dal primo giorno ha plasmato il gruppo a sua immagine e somiglianza credendo molto sulla voglia di rivalsa di molti giocatori presenti nella deludente stagione scorsa e che con le sue idee è riuscito a entrare nella testa dei giocatori. E anche nelle scelte di formazione e con le sostituzioni è stato perfetto, lasciando in campo La Mantia che poi lo ha ripagato con una doppietta. E’ ancora presto, troppo presto per fare altri discorsi, è giusto mantenere i piedi per terra e mantenere l’umiltà che stiamo avendo in questo momento….dietro l’angolo la Coppa Italia, mercoledì infatti si tornerà di nuovo in campo contro il Benevento in trasferta. Potrebbe essere l’occasione per vedere in campo diversi giocatori che hanno avuto minor spazio in questo avvio di stagione, aspettando anche Zurkowski sempre più vicino al rientro in squadra.

Intanto godiamoci per qualche altra ora questa vittoria, vincere i derby è sempre bello ma lo è maggiormente vedere come lo fa la squadra azzurra, da troppo tempo che non vedevamo gli azzurri giocare così, lottare su ogni pallone e onorare la maglia che indossano.

15 Commenti

  1. Se non ci sono sorprese strane questa stagione potremmo divertirci. C’è una 21esima squadra che si chiama Covid_19 e potrebbe sabotare qualcuno in corso. Teniamolo a mente e per il resto saremo un osso duro anche per le favorite. Siamo partiti molto forte ma anche con Somma nel 2004 andò così, speriamo di ripeterci, secondo me “corrazzate” non ci sono.

  2. Non so se il termine “corazzate” sia appropriato, ma di squadre veramente forti a livello di organico ce ne sono…tutti parlano del Monza, ma vogliamo guardare alla rosa del Lecce, tanto per fare un esempio? Coda, Pettinari, Stepinsky, Mancosu, Lucioni, tanto per citare dei nomi….tuttavia occorrono anche spirito di gruppo, coesione, grinta e organizzazione di gioco, ed è su queste caratteristiche che l’Empoli (che ha comunque un buonissimo palco giocatori) deve puntare

  3. Si comincia, RIGORE SCANDALOSO DATO AL MONZA. IL DIFENSORE DEL CHIEVO NON L’HA NEMMENO SFIORATO E IL GIOCATORE DEL MONZA OLTRE AD AVER SIMULATO È RIMASTO PER TERRA IN MANIERA VERGOGNOSA.

    • a forza di parlare tanto di questo monza si crea sudditanza negli arbitri…
      ho appena visto il servizio sull’empoli a tg3 regione…gia’ che si degnano di fare un servizio sell’empoli
      (e infatti fuori piove parecchio..)poi anche le parole di quel gufo incompetente di enzo baldini..tocchiamoci!!

      • Nooo.c’è ancora chi guarda il tg3???Sei vero o un trigger di qualche server russo?Se sei vero ti offro un aperitivo al Cristallo…Voglio vedere che forma ha chi guarda ancora il telegiornale regionale(duro anche fatica a scriverlo)..

    • Stessa cosa era capitata alla prima giornata di campionato con la Spal…dato al Monza un rigore inesistente…il fallo l’aveva fatto nettamente l’attaccante del Monza…menomale poi…per giustizia…rigore parato!

  4. Il giorno dopo … ci si accorge che questo campionato non sarà facile per le tanto beatificate 4 squadre superfavorite. Il Monza perde ( però per parecchio tempo ha giocato in 10 …ma davvero sia il rigore inesistente che la susseguente espulsione anche di un giocatore Clivense, sono stati un regalo dell’arbitro), la SPAL VINCE CON DIFFICOLTA’ E SOLO AL 90′ e la Salernitana sblocca il risultato solamente al 87′. Dobbiamo naturalmente aspettare che il Cittadella recuperi la partita … ma davvero se c’è stata una squadra che nelle prime 5 giornate ha dimostrato qualcosa, quella sicuramente è stata la nostra. Anche in considerazione di un calendario difficilissimo che poi si è rivelato così solo sulla carta. Troppo forti noi o sopravvalutate alcune squadre che abbiamo incontrato? Partenza a mille all’ora o questo e solo l’inizio e il meglio da parte nostra ancora deve venire? Intanto godiamoci prestazioni, punti e questi ragazzi che in campo danno l’anima, poi con il tempo capiremo meglio dove può arrivare questa squadra … anche perchè o davvero prendiamo il volo come 2 anni fa o come ha fatto il Benevento l’anno scorso o sennò il campionato non ti può vedere protagonista tutte le domeniche o sabato che sia. Certo e non è da ora che lo dico, avere in squadra alcuni giocatori come Brignoli, Fiamozzi (l’avevo detto che questo ragazzo aveva bisogno di tempo visto il lungo infortunio subito a Lecce) Romagnoli, Bajrami, Mancuso, Bandinelli (quante volte ho scritto che un giocatore come lui che è stato titolare in tutte le squadre in cui ha giocato non poteva che essere un ottimo giocatore)La Mantia, Zurkowski non è cosa da poco … Se a questo aggiungiamo la scoperta Terzic, la crescita di Nikolaou, un Haas che nemmeno conoscevo , un Ricci che acquisirà altra esperienza, ma soprattutto un Moreo che sembra un giocatore da Champion, perchè non pensare positivo? E magari , anzi sicuramente qualche altro giovane verrà alla ribalta … penso soprattutto a Parisi, ma anche a Cambiaso, Casale, Olivieri.

  5. Siamo avanti anni luce rispetto a tutte le altre realtà sportive Toscane e questo è merito del Corsi, della programmazione e dwi conti in ordine perché dietro ogni scelta c’è lui, può sbagliare una volta ma 2 no

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here