Nonostante la classifica, che mette Empoli e Pescara ai poli opposti, quella di stasera non può essere derubricata come “partita semplice”. Intanto perché, come diceva anche il mister ieri in conferenza stampa, il Pescara è comunque una buona squadra. Magari non sta attraversando un periodo felice – è reduce da quattro sconfitte consecutive – ma ha l’organico per venir fuori da questa situazione pesante. E nel mercato di gennaio si è rinforzata copiosamente, fornendo a Breda elementi in grado di fare la differenza.

In più, aggiungiamo noi, l’Empoli a volte ha fatto fatica contro squadre di un certo tipo, arroccate dietro con l’intento di non farci giocare. Sarà importante mantenere la lucidità, non perdere fiducia se la gara non dovesse sbloccarsi nel primo tempo. D’altronde la specialità dell’Empoli è proprio quella di saper aspettare il momento giusto. E di adattarsi alle caratteristiche del suo avversario, come dimostrato anche a Monza non più tardi di tre giorni fa.

Probabilmente ci sarà un po’ di turnazione tra i giocatori azzurri, visto il tour de force che li attende da qui in avanti. Ma tutti, finora, hanno dimostrato di scendere in campo col piglio giusto, di aver capito cosa vuole l’allenatore da loro. Questo Empoli ha l’ennesima occasione di dimostrare il suo valore, in una partita che sulla carta sembra a nostro favore ma che potrebbe celare qualche trappola.

19 Commenti

  1. Gara molto complicata.
    Ho sensazioni meno positive che col Monza.
    Spero di sbagliarmi.

    Servirà tanta intelligenza tattica. E cuore 💙

      • Non c’entra il blasone o la posizione in classifica avversaria.

        Le difficoltà sono numerose: pochissimo tempo per prepararla. Avversario che verrà chiusissimo ma al tempo stesso con contropiedisti e qualità in avanti per fare male (vedi Ascoli).
        In più c’è la statistica per cui i lunghi trend (negativi e positivi) è prevedibile debbano interrompersi ad un certo punto.

        Gara insidiosissima. Un’arma a disposizione dell’Empoli è la rosa ampia e partirei con del turnover mirato per dare meno punti fermi ad un avversario che ci avrà studiato in maniera ossessiva.

        Avanti Azzurro

  2. Io vorrei soffermarmi su la bella reazione del mister x l’inesistente rigore fischiato contro a Monza . Molti altri avrebbero “pianto” , mentre Dionisi l’ha archiviato come un normale errore umano e soprattutto quasi non parlandone .
    Complimenti ! Testimonia ancor di più i valori umani e sportivi di un allenatore molto bravo

  3. Insidia dietro l’angolo.
    Io cambierei poco. Inserirei rispetto alla partita col monza uno per reparto (Parisi/Terzic – Ricci o Zurkowski/Crociata – Matos /La Mantia)

    • Quoto.
      Prevederei un cambio anche sulla trequarti per dare maggiore imprevedibilità specie a iniziò partita: se togli peso (La Mantia) e metti rapidità (Matos), puoi fare l’inverso fra Bajrami e Moreo.

      Partirei con Moreo-Matos-Mancuso.
      Bajrami e La Mantia eventuali subentri nel secondo tempo

  4. Io penso che la cosa più importante sia partire a mille. Queste son partite che col passare dei minuti si “incancreniscano”

  5. Per carità, tutte le partite posson nascondere insidie, ma credo che sia meglio incontrare una squadra ultima in classifica e che viene da quattro sconfitte, che una di alta classifica che viene da una serie di vittorie o comunque da una serie di partite positive. O no? Se son l’aggiu in classifica evidentemente è perché ad oggi non son stati bravi a fare meglio. Noi preoccupati perché potremmo prendere sottogamba la partita, o i tifosi del Pescara saranno tranquilli ad incontrare l’Empoli capolista?

  6. Le partite prese sottogamba sono tutte insidiose.
    Oggi si vede il grado di maturità del gruppo e quanta fame di vittoria ha!!!!!

  7. Il pullman del Pescara è qui a Vinci da domenica sera. Sono in ritiro punitivo e vorranno far punti. Servirà tanta pazienza. Girare palla con efficacia, aspettando la verticalizzazione giusta…..

  8. Non capisco perché dovremmo prendere sottogamba questa partita, si dovrebbe ormai aver capito che l’obiettivo principale, a questo punto, non può essere che arrivare in una delle prime due posizioni. Mister umile come non mai, squadra idem con patatine, stasera un solo obiettivo da parte loro. E non dimentichiamo che se in casa c’è stato qualche pareggio di troppo è successo anche per aver giocato in 10 per 38 minuti con la Reggiana, per aver regalato un rigore in maniera più che ingenua al Vicenza e perchè contro l’Ascoli venivamo da un tour de force di partite giocate ogni 3 giorni.

    • Perché il calcio non è una scienza esatta ma i numeri contano tantissimo.
      Il Pescara è reduce da molte sconfitte consecutive.
      L’Empoli, invece, viaggia splendidamente a 2 punti a partita (0 in media inglese) e non perde da quasi un girone… tutto questo in me crea timore.

      Poi è ovvio, spero fortemente nel contrario e in un risultato positivo per noi

      • Ma proprio perchè guardando i numeri siamo nettamente avanti a loro in classica son fiducioso per una grande vittoria. Dici che contano i numeri e poi non ne tieni conto? 26 punti in più in classifica vorranno bene dire qualcosa non? Poi per carità nel calcio e tutto possibile e puó capitare anche di non vincere contro il fanalino di coda, ma davvero non voglio certamente pensarlo prima di aver giocato che può succedere. Magari rizzero’ le antenne se nel primo tempo stiamo sempre sullo 0-0, ma credo proprio che il risultato finale sia Empoli batte Pescara.

    • Pescara si schiera con il 3511, bisognerà avere pazienza. Loro vengono per il punto, parcheggiano il bus davanti alla porta. Nelle ultime occasioni in cui è successo noi abbiamo avuto grosse difficoltà ….. metterei La Mantia fino al gol e poi Olivieri per finirli in contropiede.

  9. Bajrami non può essere lasciato in panchina, specialmente in queste partite; altrimenti si ricommettano gli stessi errori fatti in passato con le piccole.

  10. un conto è dire che questa partita può nascondere delle insidie un altra che possa essere difficile.
    di sicuro loro verranno per fare almeno una partita ordinata e pronti per ripartire noi si dovrà essere bravi a non concedere niente. però se giochiamo come sappiamo non cè partita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here