Archiviato il pareggio senza reti contro il Benevento – il primo casalingo oltre a quello di Crotone della seconda giornata – è già tempo di tornare in campo. Perché questa sorta di mini-campionato non dà tregua e lunedì l’Empoli è chiamato all’insidiosa trasferta di Pescara, una gara delicata per entrambe le formazioni.

Contro la capolista qualche leggero miglioramento si è visto. Tutto sommato la squadra non ha corso pericoli e la difesa si è ben destreggiata, nonostante il Benevento avesse sempre segnato nelle ultime venti partite. Da contraltare, però, c’è la prestazione di un reparto offensivo che non sembra ancora al culmine della sua forma.

Con queste premesse affronteremo la gara contro il Pescara, reduce dalla vittoria alla ripresa contro la Juve Stabia, ma anche dalla sconfitta in extremis a Pisa, che ha mantenuto gli uomini di Legrottaglie a tre punti di distanza dagli azzurri. Sarà un Pescara senza due elementi di valore, Masciangelo e Bettella, appiedati dal Giudice Sportivo. Ma sarà un Pescara battagliero, che proverà a sfruttare l’opportunità per mettere i bastoni tra le ruote all’Empoli.

Ecco, proprio questo servirebbe, un Empoli battagliero. Pronto a mettersi l’elmetto e a estrarre la spada, se necessario. Lo abbiamo detto spesso, questa squadra a volte agisce troppo in punta di fioretto, mentre a volte servirebbe più cattiveria e agonismo. In partite come queste – aggiungiamo in un campionato come questo – a fare la differenza possono essere l’aspetto mentale e la carica agonistica.

È giunta l’ora, per l’Empoli, di far vedere di che pasta è fatto. Anche Pescara sarà una finale e proprio per questo dovrà essere affrontata con il piglio di chi non vuole perdere il treno playoff. Perché questo treno, che finora ti ha “aspettato”, potrebbe partire velocemente e lasciarti a piedi.

21 Commenti

  1. Pasqual lascialo stare che è parte del problema se non la causa.
    Ultima, o tra le ultime chiamate per invertire la rotta …. partita alla nostra portata.

    • Mi sa che non sei bene informato.. o forse fa comodo ad accardi che tu e il tifoso medio pensiate questo. Pasqual non era un uomo fidato di accardi , era uno abituato a dire le cose come stanno ed è stato fatto fuori per questo, Maietta “il trascinatore” invece è la spia è all’interno dello spogliatoio i compagni se ne sono accorti

  2. Bandinelli,Stulac,Dezi non hanno fatto peggio di Henderson, Ricci, Fratessi
    anzi ,bastava giocare ,con una punta vera dopo Pordenone, e almeno i Playoff erano garantiti con uno sguardo alla promozione diretta, e non avendo La Mantia in forma non sì e migliorati , ma ora bisogna tornare alle prime giornate con Moreo punta, e poi si arriva ai playoff

  3. Cambia poco 4-3-3 ,4-3-1-2, se non levi Mancuso dal centro , perché insistere se uno va a vedere come a giocato negli anni, non lo metti punta centrale, non ci vuole uno scienziato per capirlo, basta uno come me che ha malapena la terza media
    MAREMMA IMPESTATA

  4. Se una guarda bene come gioca Mancuso e molto simile a Tavano soffre la marcatura centrale deve giocare spostato sa fare bene
    l’inserimento partendo defilato anche centralmente ma sempre con lo sguardo verso la porta ,quando gioca con le spalle rivolte alla porta ,non sa fare quel tipo di gioco e con il 4-3-3 giochi con un uomo in meno, e a conclusioni non le crei
    MAREMMA IMPESTATA

  5. Per dirla tutta a bisogno di un compagno di reparto, Tavano Rigano, Tavano Maccarone,
    MANCUSO ,vedrete che a questi punti era almeno a 15 gol

    • Per il momento non mischierei i Kinder con la cioccolata fondente! Poi può darsi che Mancuso possa diventare anche meglio di Tavano…
      Tavano ha piedi buoni, una sana cattiveria agonistica davanti alla porta che in pochi hanno, senso della posizione innato, insomma, per noi è stato un fuoriclasse assoluto.

  6. Il rischio è che con un pareggio si rimanga fuori dai play off ancora una volta … mentre invece con una vittoria o ti agganci alla carrozza o magari ti ritrovi ben seduto dentro anche se seduto in fondo al treno o magari sei sempre ad 1 punto dal Chievo( Il Chievo e la Salernitana giocano in casa e se vincono e noi pareggiamo i play off si allontanano e non di poco)… Stare sempre ad inseguire ti toglie certezze e forze fisiche e mentali … quindi prima si entra in pianta stabile tra le prime 8 e meglio è! Stasera ci vorrà ben altro ritmo per portare a casa i 3 punti … contro una squadra che ha nell’attacco la sua miglior virtù (42 i goal segnati contro i nostri 33), ma che ha anche una delle peggiori difese con 47 goal subiti (la nostra difesa ne ha subiti 35). Quindi se la nostra difesa si comporterà ancora una volta bene … qualche goal lo potremo segnare. Per inciso il Pescara all’andata vinse al Castellani … quindi da subito impegno e determinazione ….

  7. Si, anch’io sarei per non bestemmiare, anche se credo che il paragone di Enrico fosse puramente tecnico, di caratteristiche, e poi Enrico ha ragione quando dice che dovrebbe partire esterno, guardate che un 4-3-3 con Mancuso e Tutino esterni e La Mantia centrale ad aprire gli spazi e madnarli in profondità con spizzicate di testa farebbe caterve di gol. Naturalmente ci vorrebbe un centrocampo in forma, di corsa e sostanza idoneo a sostenerli in copertura

  8. Mancuso e Tavano sono giocatori molto diversi. Per facilitare il gioco di Mancuso, basterebbe che i vari Tutino e Ciciretti avessero la forza di fare davvero le ale, invece di cincischiare e portarsi verso il centro, ed almeno un trequartista (Frattesi, Zurkowsky) avesse l’intelligenza di sfondare centralmente.
    Dando per scontato le assenze di Fiamozzi, Ricci, e il “meritato” riposo di Henderson e Maietta, la formazione secondo me dovrebbe essere:
    Brignoli
    Gazzola (Pinna): solo difendere
    Sierralta
    Romagnoli
    Balkovec (Antonelli): anche attaccare
    Stulac
    Bandinelli: difendere
    Zurkowsky (o Frattesi o Bajrami): anche offendere centralmente
    Ciciretti: fare l’ala
    Mancuso
    Tutino: alternare a fare l’ala, e dialogare con Balkovec quando si spinge in avanti.
    Come si vede, il punto debole della squadra è e rimane il centrocampo.

    • Non capisco come tu possa concepire un Bandinelli in un ruolo da centrocampista che difende. Ti ricordo che l’anno scorso con il Benevento fece 6 reti in una stagione, roba da fare impallidire anche i migliori attaccanti. Nell’unico spezzone di partita giocata dopo la ripresa, ha dimostrato un istinto innato alla posizione, cosa quasi inesistente in questa squadra.

  9. X Tony. Bandinelli nella sua carriera ha fatto 6 goal: 1 (empoli) 4 (benevento) 1 (perugia).
    A me non piace, soprattutto quando viene in avanti. Comunque qualcuno di rottura a centrocampo, o che rincorra l’uomo, ci vuole !!!

    • Nella conta non hai considerato il gol all’Inter in coppa Italia della scorsa stagione, sempre con il Benevento. Al di là di questo, il suo score dimostra una propensione offensiva che nessun centrocampista dell’Empoli ha, non sulla carta ma con i fatti. Tra l’altro i fatti non si possono cancellare, mentre le chiacchiere stanno a zero (e ne ho sentite tante). Poi a ognuno di noi può più o meno piacere un calciatore.

  10. 352 ( che odio ) …il 442 e’ quello giusto perche’ il resto con questi giocatori lo fai male
    Moreo e Mancuso o LaMantia Mancuso stretti e fai 2 goal a partita , Henderson Frattesi centrali e con Tutino e Ciciretti o Bajarami in fascia e via di 424 all occorrenza , serve presenza e peso in area per del tempo se vuoi vincere senno’ fai il solletico

  11. Codesto è un 424 fisso, senza centrocampo, non toccherai mai palla, se non nei rinvii del portiere o dei difensori. Per attuare questo modulo, oltre ad un forte attacco, devi avere una difesa fortissima !!!!
    Non mi sembra il nostro caso.

  12. X Tony, pensavo parlassi di campionato, va beh mettiamoci anche la coppa italia, un buon risultato per Bandinelli nel Benevento, ma non da far “impallidire i miglior attaccanti”.
    Goal centrocampisti empoli:
    Stulac 2 (con poche partite), Frattesi 5, non mi sembra che abbiano fatto peggio di Bandinelli (quest’anno un solo gol).

  13. Per quest’anno e’ andata, pensiamo gia’ a programmare la prossima stagione: nuovo ds, un difensore da affiancare a romagnoli, con pensionamento di maietta, un terzino al posto di balkovec, conferma di Henderson, un centrocampista che prenda il posto di frattesi (due in caso vada via ricci), un briefing da uomini a uomini con tutino per capire se davvero vuole restare e abbiamo la squadra fatta… Max 15/16 giocatori, con 11 titolari e 4/5 potenziali titolari.
    Parola d’ordine meglio delle scommesse dalla B o dalla C che scoglionati dalla A, stile desi o bandinelli.

    • Capitolo allenatore: farei un pensiorino a dionisi del venezia. L’avremmo gia’dovuto prendere l’estate scorsa, ma non abbiamo avuto corraggio, virando sulla “certezza” bucchi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.